FREAK-OUT IN PONTE PESCHERIA

Un’altra vasca a zonzo per il corso,
che qui è del popolo, questo mi esalta.
Monta la percezione del congedo:
è come se i palazzi e i monumenti
fluiscano nella dimensione sogno;
sprazzi diffusi del sole calante
accompagnano questa suggestione
di qualità mesta, sostanza soave,
la realtà ubiqua dell’esserci ora
e del rievocare domani già via.
La brezza del ponte della pescheria
rende fresche le linee del tuo viso
gaudente, eppur di un’estasi sofferta,
resistente all’orgasmo sospirato
e la mente nel turbinio dei sensi
tra il piacere di ricevere e dare,
ricerca di una sintesi totale
verso il diletto fisico e mentale…
E mi sorprendo ancora qui pensante
fatui capricci eccentrici d’oriente.

127 freak-out

Endecasillabi sciolti.

Con questo brano ho terminato il trasferimento del mio blog Poeesie su questa piattaforma in poco più di 4 mesi, un post al giorno 🙂 (ad eccezione di due brani che pubblicherò in seguito).
Ora la frequenza di pubblicazione sarà più o meno mensile… così avrete tutto il tempo di leggere i versi precedenti. (lol)
(XXVII.XLIII – 24.6 a Chg)

1 pensiero su “FREAK-OUT IN PONTE PESCHERIA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...