ODE ALLA TUSCIA

Dopo vani giri nell’iposcenio,
trovato il bandolo della matassa,
in piazza san Lorenzo che è il proscenio,
mi siedo sulla soglia di un millennio.

Cala la sera sul fresco interlunio,
in antiche viuzze gente si ammassa,
via cupa pare splenda al plenilunio,
esalterei la creatività di Annio.

Al pensiero di che avrei perso avvampo,
tanta bellezza resistita al tempo;
a Etruschi e Longobardi mi accompagno.

Età antica e Medio evo fan convegno,
la rivalsa dell’osco sul romano,
sangue che vive in più d’un talismano.

Danno un lampo assai umano
gli occhi leggiadri delle donne tusce,
dolce perdersi tra le loro cosce.

141 ode alla tuscia

Sonetto caudato originario
(XXVIII.XLIV – 23.6 Viterbo)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...