TEATINE

Incontri di lunghi attimi decanto,
ultimo questo nel corso chietino,
co’ Eve tra Mediterraneo e Appennino,
sembianze multiformi, ma occhi incanto,
linee e sfumature cui menar vanto;
l’archetipo dei lenti passi in mente
impresso su molisane, splendente,
né fan difetto tusce o marrucine,
verde smeraldo di donne teatine:
in piazza duomo lo attesto coerente.

Fondo Cari celebra Emilio Greco
nel centenario, a Palazzo de’ Mayo…
Occhiali che celano iridi acciaio
e cadenza marcata d’alto speco,
presa da fogge sensuali, stai meco,
ti eclissi, ritorni, mi fai da guida,
mentre la pescarese si ritira
e una fatina sfila per la festa;
alludi, inviti, aneli esser richiesta,
desiderando quanto più ci intriga.

Espinella in endecasillabi (decima rima)
Metrica: ABBAACCDDC
(XXIX.XLV – 31.08 Chieti)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...