Archivi tag: dream

NUOVA COMUNIONE

Desiderio perenne
dal primo approccio ed eri senza volto,
sensazione solenne
tale passione ha alimentato e accolto.
Colà venivi, andavi,
tra razionalità e accondiscendenza,
mito dei più soavi,
fiamma di condivisa compiacenza.
Coltivi le paure,
accendi, vuoi esser presa, sei un po’ mia,
sorprendi con premure,
larga in quanto d’oltre caro dare via.
Viso suadente, esalta,
la tua voce femminina inebriante:
quel confonde, essa assalta,
sirena fuori dal mare cantante.
Mai ci fu comunione più anelata
anche se in sogno arridesse il trionfo,
né disincanto ma sorte insperata,
senso di ricompensa, nessun tonfo.
Strenne, le amore, Eva, la prediletta,
un figlio, e non pesa chi dà o chi accetta.

Canzone alla greca
Metrica:
strofe aBaB cDcD
antìstrofe eFeF gHgH
epòdo ILILMM
(XXIX.XLV – 1.08 A)

THE REMAINS OF THE DREAM

Così si unì la compagnia del sogno,
da un incontro casuale con tua madre,
quando da doloroso pregiudizio
– e quale? – la anelavo riscattare.
Si aggregò all’improbabile brigata,
in domu, nel momento conviviale;
sapore vario, contesto animato,
per risolvere un intricato impiccio.
Pur l’incanto vola, caro e insperato,
lassù in soffitta, in camera dei nonni,
lato sinistro entrando nella stanza,
stiamo io e te passionali e affettuosi
e soli, per complicità o imperizia,
non meno della mia chino sul letto
che fluttua senza spazio e l’equilibrio
mi è dato dalla tua risposta al bacio
intimo; ti affianco tenera e dolce,
preludio alla fusione più totale,
manco ci turba una prima intrusione,
tu sembri di Dumas la Sanfelice.
Ma potenza dell’imprescindibile,
siamo scoperti e irrompe il sodalizio.
Lei ride, tra il sorpreso e il compiaciuto,
sì noi mentre van via in modo inatteso.

144 the remains of the dream

Endecasillabi sciolti
(XXVIII.XLIV – 1.9 A)

 

LO

Il sogno fluisce color seppia,
ritorna per slide animate
di tue ultime immagini viste.
Il panorama trasparente
tale a furore steinbeckiano,
pure il selciato è evanescente.
Per niente pago di riguardi…
Ora la dissolvenza, fondou!
Tua madre in casa indaffarata,
sempre gentile e sorridente.
Noi là, nel divano all’angolo,
insieme alla loquace Mona.
Tu dolce, tranquilla, serena,
magnifichi tanta bellezza
con un’allegria allusa appena,
tra il raggiante e chi la sa lunga.
Le vostre bocche a cuore, unite.
Svaniscono i particolari
come gli affreschi della metro…
Esci, riduco le distanze.
Voi offrite gadget d’amore.
Campo totale su tuo padre,
lui legge e non chiede di nulla,
fa un uhm familiare nel tono
che crea un’eco col timbro noto.
… E mi riscopro ancora in viaggio,
son pieno di te, ma dove sei?
Or nemmeno molti anni or sono
in un luogo vicino ai laghi
stava una ragazza named Lo.

143 loo

Novenari sciolti
(XXVIII.XLIV – 21.7 A)

INVITO AL SOGNO

E’ vago nel torpore mattutino
intendere il soffio della dea glauca
e ora nel mio scrittoio m’infervoro,
del cibo che solum è mio mi pasco.
Conquistatrice di passioni cupe
con i tuoi svaghi acerbi prendi e rendi,
impavida hai donato il turbamento
improvvido, prima di cestinarlo.
Il mondo è ai tuoi piedi, eppur prodiga
ti concedi al bacio e al desiderio,
un climax paradossale che sembra
parte della drammaturgia plautina.
Nel talamo austero lei ci divide,
avverto la tua smania nei suoi occhi,
finché lasci perdere ogni scrupolo,
fai pressione, mi sfiori e ti inondi.

invito al sogno x

Un sabato del mese più bello dell’anno, alzarsi tardi è un invito al sogno e il sogno talvolta ti ripaga con dei fantastici cortometraggi, che è arduo descrivere al risveglio e non solo perché non si ricordano perfettamente.
Questi endecasillabi sciolti contengono qualche citazione e riferimento piuttosto evidente, pertanto almeno qui mi risparmio le note. Dico solo che il verso 4 è quasi tutto di Machiavelli, fatto abbastanza singolare visto come la penso su di lui (vedi Diary).
(XXV.XLI – 20.6 A)

LONDON

Seduto sui bordi di una fontana
a Trafalgar Square.
Gente che passa continuamente,
lingue diverse non capite,
gente…

london

Seduto sui bordi di una fontana a Trafalgar Square (I was 23), mi resi conto del sogno che vivevo, ed era talmente intenso che non riuscii a completare i versi che avevo iniziato a scrivere e non ho mai voluto completare in seguito.
Non sono ancora tornato a Londra da allora e sarebbe diverso, non del tutto però.
La regina era lontanissima dai nostri pensieri, le esigenze erano potersi sedere a Piccadilly circus, gironzolare per Hyde Park, visitare Portobello Road, curiosare a Soho… Solo di straforo si percepiva la vicinanza di Buckingham palace e per caso mi trovai davanti al Big Ben.
(X – 1.8 London)