Archivio mensile:luglio 2015

ASSISI

Da questa giornata iniziata male,
bacata dalla tua inattesa assenza,
una sparizione che è sofferenza.
In caso di attrazione degli opposti,
da Goethe a Castoldi, nuoce o consola,
secondo dei propositi armoniosi.
Fiore laudato sie Padova-Assisi,
estasi dei miei viaggi dilatati,
duecento miglia che stavano scritte.
Anche la rossa snob osservo e assorbo,
mela senz’abito ‘e benedictione,
a Ponte San Giovanni pace e bene.

Un’idea vaga sempre avuta in mente
e ora che incombe ne senti il profumo
che poi si concretizza nel mai visto.
Da San Rufino, non ignoro pietra,
negli elementi aleggia il misticismo
e nello filosofico simposio.
Francesco e Chiara, amore, mi’ Signore,
appaiono in sembianze di santuario,
dovrei scriver cosa? Non ho parole!

Ho avuto il mio piccolo miracolo,
sorella luna mi ha rimandato te,
matre terra il rammarico è annullato.
Questo scenario ascetico lo dice,
possibile è dittar di humilitate,
vorrei essere tuo fratello sole.

(Impossible don’t write something)

132 assisi

Endecasillabi sciolti.
(XXVII.XLIII – 3.9 Assisi)

Annunci