Archivio mensile:giugno 2016

LO

Il sogno fluisce color seppia,
ritorna per slide animate
di tue ultime immagini viste.
Il panorama trasparente
tale a furore steinbeckiano,
pure il selciato è evanescente.
Per niente pago di riguardi…
Ora la dissolvenza, fondou!
Tua madre in casa indaffarata,
sempre gentile e sorridente.
Noi là, nel divano all’angolo,
insieme alla loquace Mona.
Tu dolce, tranquilla, serena,
magnifichi tanta bellezza
con un’allegria allusa appena,
tra il raggiante e chi la sa lunga.
Le vostre bocche a cuore, unite.
Svaniscono i particolari
come gli affreschi della metro…
Esci, riduco le distanze.
Voi offrite gadget d’amore.
Campo totale su tuo padre,
lui legge e non chiede di nulla,
fa un uhm familiare nel tono
che crea un’eco col timbro noto.
… E mi riscopro ancora in viaggio,
son pieno di te, ma dove sei?
Or nemmeno molti anni or sono
in un luogo vicino ai laghi
stava una ragazza named Lo.

143 loo

Novenari sciolti
(XXVIII.XLIV – 21.7 A)

Annunci